MENU

Comune di Trevignano Romano

Trevignano aderisce al progetto "Boschi E.ON." e metterà a dimora 800 alberi sul proprio territorio

Trevignano Romano sempre più verde grazie all’impegno di E.ON Energia

E’ iniziato oggi l’intervento di forestazione di circa 800 alberi nel Comune di Trevignano Romano, sostenuto da E.ON Energia e realizzato con il supporto tecnico di AzzeroCO2.

L’intervento si inserisce nel più ampio progetto “Boschi E.ON”, iniziativa di riforestazione tra le più significative e ambiziose realizzate nel nostro Paese, che ha già portato alla piantumazione di oltre 60.000 nuovi alberi e che ha come obiettivo metterne a dimora ulteriori 23.000 in tre Regioni italiane, tra cui il Lazio.

“È naturale per noi impegnarci per promuovere comportamenti virtuosi nell’uso delle risorse energetiche, anche tramite iniziative di comunicazione e sensibilizzazione come la campagna #odiamoglisprechi, che ha molto colpito l’opinione pubblica” ha dichiarato PéterIlyés, CEO di E.ON Italia. “Il progetto Boschi E.ON” – continua Ilyés – “è sicuramente una piena espressione del nostro impegno strategico come raccontato finora: siamo partiti dall’esigenza dei clienti di compensare i propri consumi energetici per essere più sostenibili, abbiamo sviluppato una soluzione innovativa insieme a partner qualificati e abbiamo coinvolto attivamente i consumatori stessi nell’implementazione e nella crescita del progetto, conseguendo in questi anni risultati molto importanti che contiamo di superare ancora nel futuro prossimo.

L’intervento, promosso dal Comune di Trevignano Romano, interesserà 5 aree del territorio comunale: via Sutri, via Roma, Via della Rena, l’area verde nei pressi del Centro Polivalente e l’area verde limitrofa al parcheggio dello Centro Sportivo comunale Giulio Morichelli. Infine l’intervento toccherà anche 4 aree che ricadono nel Parco Naturale Regionale di Bracciano e Martignano: via Vigna Rosa, via Mosca – via Madrid, parcheggio di pertinenza del cimitero comunale e via di Monterosi presso Località “Il Favaro”.

 

Il progetto ha come obiettivo la riqualificazione urbana e periurbana caratterizzata dall’impiego esclusivo di specie autoctone arboree e arbustive coerenti con le condizioni climatiche e pedologiche dell’area.Infatti tra le specie più utilizzate negli interventi troviamo acero campestre, orniello, leccio, pioppo bianco e pino domestico.

 

“In un momento come quello che stiamo vivendo, in cui i Comuni hanno grosse difficoltà a reperire fondi economici che permettano di attuare politiche ecosostenibili, collaborazioni di questo tipo rappresentano una grandissima opportunità. La nostra Amministrazione ha molto a cuore i progetti di sensibilizzazione e responsabilità ambientale, in un periodo in cui è in atto un grave cambiamento climatico è necessario dare il proprio contributo” lo dichiara il Sindaco di Trevignano Claudia Maciucchi.

L’intervento di forestazione interessa diverse aree dislocate sul territorio comunale, molte delle quali ricadenti all’interno del Parco Naturale Regionale di Bracciano e Martignano considerato uno dei territori più importanti della regione per lo svernamento dell’avifauna.La presenza di questa zona umida di grande importanza naturalistica, nonché l’esistenza di ben 30 specie di volatili di interesse comunitario – legate sia ad ambienti acquatici che forestali – ha motivato la designazione dell’area a Zona di Protezione Speciale (ZPS) ai sensi della Direttiva Uccelli 79/409/CEE, il cui perimetro coincide quasi interamente con quello del Parco.

 

Il Consiglio Direttivo del Parco, nel giugno scorso, ha approvato lo schema di accordo con AzzeroCO2per il progetto “Mosaico verde” che prevede interventi di forestazione all’interno del perimetro del Parco e nelle aree limitrofe. In questo ambito è stato stipulato il primo protocollo d’intesa tra il Sindaco del Comune di Trevignano Romano Claudia Maciucchi, l’Amministratore Delegato di AzzeroCO2 Sandro Scollato e il Direttore del Parco Daniele Badaloni, per la realizzazione degli interventi di forestazione su terreni di proprietà del Comune stesso, previa acquisizione dei pareri di competenza tra cui il nulla osta del Parco. Si auspica di ripetere tale esperienza anche con gli altri Comuni del Parco.

Piena soddisfazione per l’adesione al progetto è espressa dal Presidente del Parco Vittorio Lorenzetti e dal Direttore Daniele Badaloni. “Questo intervento di forestazione è pienamente in linea con le azioni di conservazione e tutela dell’ambiente che il Parco intraprende – dichiarano Lorenzetti e Badaloni. Oltre a contribuire alla preservazione del nostro prezioso ecosistema, il progetto si pone l’ambizioso obiettivo di contrastare gli eccessivi livelli di CO2 presenti nell’atmosfera, problema quanto mai attuale e causa dei cambiamenti climatici in atto. Il Parco da sempre, in coerenza con i propri fini istitutivi, attua “strategie” ambientali di ampio raggio, ad esempio attraverso la realizzazione di progetti educativi rivolti ai bambini e ai ragazzi nelle scuole del territorio, affrontando anche temi di rilevanza globale come questo.”

“Siamo davvero felici della continua collaborazione con E.ON Energia– dichiara Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2 – Il progetto “Boschi E.ON” nel 2018 ha raggiunto un importantissimo risultato: quello di piantare 83.000 alberi in tutta Italia.Un progetto ambizioso, che da anni ci vede insieme in prima linea nella riqualificazione di aree urbane e di aree parco che possono così essere restituite ai cittadini. Con l’intervento di forestazione realizzato nel Comune di Trevignano e che interessa anche il Parco Naturale Regionale di Bracciano e Martignano sarà possibile contribuire alla tutela di un’area protetta e particolarmente importante per la tutela della biodiversità.”